Giornalismo e coronavirus: domani in IULM un webinar per fare ordine tra le idee

Individuare i cambiamenti irreversibili che la pandemia imporrà al giornalismo, tratteggiare le prospettive future dei percorsi di formazione di chi si avvicina alla professione. A questo scopo si terrà domani, venerdì 22 maggio alle ore 15, sui canali Facebook e YouTube dell’Università IULM il webinar “Raccontare la pandemia: il giornalismo allo specchio”.

Al tavolo, stavolta tutto immaginario, dei relatori: Daniele Manca, vicedirettore del Corriere della Sera e direttore strategico, dei laboratori e delle testate del Master in giornalismo IULM; Paolo Liguori, direttore TgCom24, capo area digitale Mediaset e direttore del laboratorio digitale del Master in giornalismo IULM; Marco Castelnuovo, direttore dell’edizione di Torino del Corriere della Sera e docente al Master in giornalismo IULM.

 

 

L’evento si inserisce in un ciclo d’incontri organizzato dalla squadra dei rappresentanti degli studenti “Team Youlm” in collaborazione con l’Ateneo. Ad inaugurare la serie di incontri, una video-conferenza tenuta dai rettori di Università IULM, Gianni Canova; Università Bicocca, Giovanna Iannantuoni; Università Bocconi, Gianmario Verona. Ha moderato Enzo Cartaregia, rappresentante degli studenti in Cda IULM.

Con le università a battenti sbarrati in tutto il Paese, la rappresentanza studentesca ha concepito questa serie di video-incontri per riaffermare il senso di comunità tra gli studenti e restituire, per ciascun indirizzo di studi dell’Ateneo, un’idea delle prospettive post-pandemia.

Mariano Sisto

Laurea in Filosofia alla Federico II di Napoli, oggi giornalista praticante alla Scuola di giornalismo IULM-Mediaset. In passato ho coperto, per l'agenzia di stampa "Nova", il Consiglio regionale della Campania e i rapporti Istat. Per il quotidiano "Roma" ho monitorato le politiche nazionali per il Mezzogiorno. Attualmente collaboro con la rubrica "ilGiornaleOFF" de "il Giornale" e con il mensile allegato "Culturaidentità": scrivo approfondimenti culturali, racconto specificità regionali.

No Comments Yet

Leave a Reply