Putin: “Sulle sanzioni mi aspetto collaborazione dai nostri partner europei”

“Le sanzioni, le accuse continue, sono tutti metodi per contenere la Russia perché l’Occidente vede la Russia come una minaccia. Questi metodi però non sono nell’interesse di nessuno, solo con il dialogo e la cooperazione l’economia mondiale può migliorare. Ora però qualcosa si muove poiché alcuni nostri partner in Europa iniziano a dire che serve cooperare con la Russia”.

Si è espresso così Vladimir Putin nel corso della sua annuale Linea Diretta con i cittadini, formato televisivo russo ma anche web, telefonico e via app che mette in contatto la popolazione con il leader del Cremlino. Il presidente russo ha poi sottolineato che “l’uscita degli Stati Uniti dall’accordo sulla difesa anti-missilistica è un tentativo di infrangere la parità strategica e noi rispondiamo con i nostri moderni sistemi di armamento, che conservano questa parità. Serve comprendere questo aspetto e trovare nuove forme di cooperazione che siano adeguate alle realtà moderne. Questo è il momento di mettersi al tavolo dei negoziati per elaborare un piano di sicurezza europea”.

Secondo Putin, le nazioni occidentali non dovrebbero frenare Paesi come la Russia, ma al contrario dovrebbero stabilire una cooperazione costruttiva. “I nostri partner stanno gradualmente prendendo consapevolezza di questo aspetto, spero che questo processo possa acquistare slancio in futuro”.

I dazi Usa su acciaio e alluminio sono di fatto delle sanzioni per Europa, Canada e Messico. “I nostri partner pensavano che non sarebbero mai stati colpiti da questa politica controproducente legata a restrizioni e sanzioni ma ora vediamo quello che sta accadendo”. Putin ha poi dichiarato che gli Usa hanno esteso per anni la propria giurisdizione oltre i loro confini e ora stanno provando a farlo anche in Europa. “Questo è inammissibile”, ha aggiunto il presidente russo.

Putin si è espresso anche sul nuovo esecutivo che si è insidiato pochi giorni dopo l’inizio del suo quarto mandato al Cremlino: “Non escludo che sorgeranno le discussioni, e questo è bene, ma io penso che sia una squadra ottimale”.

A.M.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.