Pavia, scoperto l’asilo degli orrori: maltrattamenti a bambini

Pavia, scoperto l'asilo degli orrori: maltrattamenti a bambini -MasterX

Schiaffi, spinte e strattoni:  l’ennesimo caso di violenza su minori si registra nel pavese. Una donna di 50 anni, maestra e titolare di un asilo di Varzi, in provincia di Pavia, è stata arrestata per maltrattamenti su bambini con età da uno a tre anni. A comunicarlo è la Guardia di Finanza che, dopo le indagini condotte dai militari, è riuscita a confermare le voci inerenti agli atteggiamenti strani della maestra.

Grazie ai filmati e alle riprese girate all’interno dell’asilo è stato possibile confermare le ripetute violenze, sia di natura fisica che psicologica, ai piccoli ospiti della struttura. Tali prove hanno indotto l’autorità giudiziaria pavese a disporre la misura della custodia cautelare domiciliare nei confronti della donna. Inoltre, due sue collaboratrici sono state denunciate a piede libero con l’accusa dei mezzi di correzione nei confronti dei minori. Lo specifica il sito online di Tgcom 24.

Sfortunatamente, si tratta di un caso non del tutto isolato. Anche a Cernobbio, nel Comasco, un’educatrice è stata arrestata poiché considerata responsabile di maltrattamenti nei confronti di neonati. La maestra, di 58 anni, è stata messa ai domiciliari dai Carabinieri della compagnia di Como con l’accusa di condotte violente verso bambini con età compresa tra i 3 e i 18 mesi.

Una situazione anomala, se non peggiore, si è verificata a Roma. A un maestro di una scuola materna le è stato vietato di avvicinarsi ai bambini ed è stato sospeso dal servizio. L’insegnante, un uomo di 42 anni, maltrattava fisicamente e psicologicamente i suoi piccoli studenti. Secondo quanto emerso dalle indagini, le vittime sono circa 19 bambini. Nello specifico, i bambini avevano iniziato ad avere strani comportamenti nell’ambito familiare e non mostravano più interesse a frequentare la scuola. Ancora una volta, a documentare i soprusi sono stati i video delle telecamere installate all’interno della struttura.

 

No Comments Yet

Leave a Reply