Ungheria: abrogata la “Legge schiavitù” sul lavoro voluta da Orban

La Corte Costituzionale di Budapest ha abrogato la cosiddetta “Legge schiavitù” voluta dal premier Viktor Orban. La norma permetteva alle aziende di alzare il tetto degli straordinari a 400 ore l’anno e di ritardare fino a 3 anni la retribuzione ai dipendenti delle ore di lavoro extracontrattuali.

Il contenuto della legge

La sua approvazione nel 2018 da parte del parlamento ungherese aveva provocato ripetuti scontri di piazza in diverse città del Paese. La Corte ha accolto il ricorso presentato dai sindacati stabilendo che nessun lavoratore potrà essere licenziato se rifiuta di lavorare al di fuori degli orari previsti dal contratto e che eventuali straordinari devono essere pagati entro 365 giorni. Dal 2018 a oggi l’innalzamento del tetto degli straordinari a 400 ore si è tradotto per i lavoratori ungheresi in settimane lavorative di sei giorni o, in alternativa, in settimane da 5 giorni a 10 ore di lavoro al giorno. In entrambi i casi senza alcuna garanzia di percepire alcun compenso esterno alla busta paga.

Una sconfitta per il governo Orban

Una legge frutto di un compromesso tra Orban e le grandi imprese che, a fronte di una crescita economica piuttosto sostenuta, da tempo lamentavano la scarsa disponibilità di manodopera. Una norma dai connotati schiavistici, come sostenuto in questi anni da associazioni di categoria e sindacati: alla formale volontarietà del lavoro straordinario corrispondeva un’effettiva impossibilità di sottrarsene, pena la minaccia di licenziamento.

La sentenza della Corte Costituzionale impone allo Stato magiaro di abrogare la legge entro il prossimo mese di luglio. Una dimostrazione forte del fatto che il ruolo indipendente della magistratura può esercitare un influsso determinante nella formazione di una coalizione di partiti democratici in grado di sfidare l’illiberale Orban alle prossime elezioni politiche del 2022. Tra questi i verdi di Pàrbeszéd (Dialogo per l’Ungheria) guidati dalla 45enne Timea Szabo, che definisce la decisione della Corte “una sconfitta per il Governo Orban”.

Nicola Bracci

Sono nato 24 anni fa a Pesaro e lì ho trascorso la mia adolescenza tra compagni di liceo e allenamenti di nuoto. A 19 anni mi sono trasferito a Milano e tre anni più tardi mi sono laureato all'Università Statale. Nei mesi di settembre e ottobre 2021 ho lavorato come stagista nella redazione di Mattino5. Al momento sono giornalista praticante e scrivo per MasterX.

No Comments Yet

Leave a Reply