Una Venere molto cara: Uffizi, aumenta il biglietto

Visitare le Gallerie degli Uffizi costerà di più: dal 1° marzo, i turisti dovranno pagare €25 per ammirare i capolavori di Botticelli, Michelangelo e Leonardo esposti nel museo fiorentino. Ad aumentare è l’ingresso giornaliero a tariffa intera: in alta stagione – dal 1° marzo al 31 ottobre – il biglietto subirà un incremento di €5. Invariati i ridotti, che continueranno a costare €2 per i ragazzi tra i 18 e i 25 anni.

Aumenta la bolletta, aumenta la cultura

La decisione è stata presa dal Consiglio d’Amministrazione degli Uffizi, con l’approvazione della Direzione Regionale Musei della Toscana e del Ministero della Cultura. Come si legge nel comunicato pubblicato sul sito delle Gallerie, l’aumento è necessario «per far fronte all’incremento dei costi del settore energetico ed edilizio».

Saranno premiati i visitatori più mattinieri: a chi entrerà tra le 8:15 e le 8:55 sarà riservato uno sconto di €6, una promozione già sperimentata in un altro sito turistico di Firenze, Palazzo Pitti.

I pareri

Il caro bollette non è l’unica motivazione. Secondo Gennaro Sangiuliano, «dobbiamo adeguarci agli standard europei»: i principali musei degli altri Paesi hanno mediamente un costo maggiore, dichiara il ministro della Cultura, e la prima galleria italiana per numero di visitatori non può essere da meno. A questo si aggiunge una ragione «morale»: «per una famiglia americana che spende 10-20 mila euro per venire in Italia, pagare questa cifra un biglietto è una cosa che si può fare», afferma Sangiuliano. Il ministro del Turismo Daniela Santanché sostiene la decisione del museo, definendola una «rivoluzione giusta e importante rispetto alla bellezza che vi si trova dentro».

Non è d’accordo Anna Laura Orrico, capogruppo del Movimento 5 Stelle in commissione Cultura alla Camera: «il ministro Sangiuliano giustifica i rincari agli Uffizi e la possibilità che altri siti seguano lo stesso esempio parlando di turisti ricchi che possono permetterselo».

Ma quanto costano i musei europei?

Gli standard europei a cui si riferisce il ministro Sangiuliano sono in realtà più bassi rispetto ai €25 degli Uffizi.

Per ammirare La Gioconda, i visitatori del Louvre pagano €17 euro. Altra galleria francese è il Musée d’Orsay, con un biglietto giornaliero di €16. Cifre simili sono quelle del Museo Nacional del Prado di Madrid e dei Musei Vaticani: €15 il primo e €17 i secondi. A San Pietroburgo, l’ingresso all’Ermitage costa 500 rubli, pari a €6,85, mentre la tariffa del Pergamonmuseum di Berlino, tra le gallerie archeologiche più importanti al mondo, è di €12.

Menzione speciale per i musei britannici: nessun costo per siti come il British Museum, la National Gallery e la Tate Modern.

 

Di Erica Vailati

No Comments Yet

Leave a Reply