Coronavirus, probabile raddoppio dei decessi negli USA

Negli Stati Uniti il numero di decessi per coronavirus potrebbe raddoppiare nei prossimi due mesi. A riferirlo è uno studio sulla diffusione del virus condotto dai ricercatori dellImperial College di Londra e riportato dalla CNN. Dal documento pubblicato sul sito dell’Università inglese si legge che: «La pandemia non è sotto controllo in gran parte degli Stati Uniti».

Secondo i dati aggiornati della mappa della Johns Hopkins University, sono 1255 le vittime del coronavirus negli Usa nelle ultime 24 ore. Ad oggi, 22 maggio, il numero totale dei casi confermati dall’inizio della pandemia è 1.577.287. E gli Stati Uniti rimangono il Pese più colpito dal virus. Per questo motivo, le autorità americane dovranno agire con cautela nell’allentare le misure restrittive ancora oggi in vigore.

Mappa del contagio della Johns Hopkins University, aggiornata al 22 maggio

Gli altri risultati dello studio

I risultati della ricerca dell’ateneo inglese dimostrano che fino ad ora, nonostante il numero elevato di casi, solo il 4% della popolazione americana ha contratto il virus. In tutti gli Stati meno del 25% della popolazione è stata infettata. Anche a New York, il più colpito, i cittadini che hanno contratto il Covid-19 sono circa il 16%.

Inoltre, i ricercatori spiegano che la situazione è davvero sotto controllo solo negli Stati che hanno un tasso di contagio inferiore ad uno. Il Montana, la West Virginia e le Hawaii sono alcuni di questi.

L’iniziativa di Trump

Per onorare le vittime del coronavirus, per i prossimi tre gironi sugli edifici federali e sui monumenti nazionali americane le bandiere saranno abbassate a mezz’asta. Ad annunciarlo il presidente Donald Trump su Twitter dopo la richiesta dei democratici al Congresso rivolta a quando il numero dei decessi raggiungerà quota 100 mila.

Elisabetta Murina

23 anni. Nata e cresciuta a Milano. Laureata in Linguaggi dei media, ora scrivo su Masterx. Amante dell'arte, in tutte le sue forme. Grande appassionata di moda e cinema. Curiosa di natura e sempre in cerca della verità.

No Comments Yet

Leave a Reply