Antitrust bacchetta Facebook: multa da 5 milioni

Antitrust multa Facebook

Se l’iscrizione a Facebook è gratuita, i dati che inviamo tramite i commenti rilasciati sotto un post, i like alle foto, le amicizie e i contatti rappresentano per il colosso americano miliardi di dollari. Sono tutte informazioni personali che regaliamo inconsapevolmente.

Secondo l’Antitrust, il social network più famoso al mondo non ha mai informato con dovizia di particolari i suoi utenti riguardo a questo scambio. Proprio per questo ora vuole sanzionare Facebook con una multa da 5 milioni di euro.

Ha avviato quindi un procedimento di inottemperanza nei confronti della creatura di Mark Zuckerberg per non essersi attenuta a quanto prescritto nel novembre 2018. Secondo l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, in fase di iscrizione Facebook dovrebbe informare gli utenti che registrarsi con un proprio profilo significa iniziare a inviare al social dati potenzialmente sensibili, utilizzati per ricevere pubblicità mirate: uno scambio economico e commerciale al quale non viene dato rilievo.

L’importo della multa era già stato fissato a un totale di 10 milioni di euro. Successivamente, però, la sanzione è stata dimezzata. Ora l’Antitrust ha deciso di avviare il procedimento di inottemperanza per quel che riguarda il seguente punto: «Nonostante l’avvenuta rimozione del claim “è gratis e lo sarà per sempre” dalla home page, — specifica il Garante — il consumatore che si vuole registrare al social network continua a non essere informato dalla società, con chiarezza e immediatezza, quanto alla raccolta ed all’utilizzo dei propri dati con finalità remunerative. Risulta, inoltre, che Facebook non abbia pubblicato la dichiarazione rettificativa».

 

Carolina Zanoni

NATA NELLA GIORNATA MONDIALE DELLA LIBERTÀ DI STAMPA, NON AVREI POTUTO SCEGLIERE UNA STRADA DIVERSA. LAUREATA IN LETTERE ALL'UNIVERSITÀ DI VERONA, OGGI SONO GIORNALISTA PRATICANTE PER MASTERX IULM-MEDIASET. SONO APPASSIONATA DI POLITICA, ANCHE EUROPEA, SIN DA QUANDO HO 11 ANNI (PASSAVO I POMERIGGI AD ASCOLTARE I RACCONTI SU TANGENTOPOLI). HO COLLABORATO CON “TOTAL EU”, “ITALPRESS” E “DIRE” ALL'INTERNO DELLE ISTITUZIONI EUROPEE A BRUXELLES E A STRASBURGO. MI PIACE STAR DIETRO LE QUINTE, RACCONTARE CIÒ CHE VEDO E CAPIRE LE DINAMICHE DEL PIÙ INTRIGANTE SPETTACOLO (O CIRCO) DEL MONDO: LA POLITICA, ANCORA LEI.

No Comments Yet

Leave a Reply