Vanity Fair Stories: da Cremonini alla Cucchi, tutte le storie del weekend

Il valore delle storie e la capacità di storytelling. Questo il filo rosso di Vanity Fair Stories, il festival organizzato lo scorso weekend da Vanity Fair Italia con il patrocinio del comune di Milano. Nella sua prima edizione l’evento ha registrato oltre 20mila presenze in due giorni. Ecco perché per il secondo anno è stata scelta una location più ampia: il The Space Cinema Odeon. Nello storico cinema a due passi dal Duomo, gli spazi si sono moltiplicati, così come gli ospiti. Tanti gli attori, i cantanti, i registi che sul palcoscenico dell’Odeon hanno raccontato le loro storie. Ma non solo talk, anche workshop, proiezioni e performance dal vivo hanno animato le giornate di sabato 23 e domenica 24.

La due giorni di Vanity Fair Stories si è aperta con l’assegnazione del Vanity Fair Award a Cesare Cremonini. Molti altri hanno ricevuto questo riconoscimento, tra i quali Pierfrancesco Favino, Gigi Buffon e Corrado Guzzanti. Tanti i temi trattati durante i talk, che si sono trasformati in spazi intimi nei quali i protagonisti hanno svelato curiosità e aneddoti personali. Secondo l’ex calciatore camerunese, Samuel Eto’o, servirebbe un maggiore impegno da parte delle dirigenze sportive nella lotta al razzismo negli stadi. Ilaria Cucchi, invece, riportando la sua personale esperienza, ha ribadito l’importanza della tutela dei diritti umani.

Nelle sale otto in tutto le proiezioni tra miniserie e documentari, tra cui Chernobyl, Caterina La Grande, The Loudest Voice, His Dark Material e La guerra dei mondi. I documentari invece hanno reso omaggio a grandi personaggi come Alda Merini, Carlo Vanzina e Ralph Lauren e a grandi avvenimenti, come il cinquantesimo della strage di Piazza Fontana.

A prendere parola durante le masterclass, si sono alternati, sotto il titolo Il valore delle storie, Paolo Del Brocco, Nicola Guaglianone e Nicola Giuliano. Giovanni Veronesi ha tenuto una masterclass sulla nascita degli spot. Domenica tra gli ospiti Moira Mazzantini e Lorenzo Suraci con Daniela Collu.

Il festival si è concluso con due big della musica italiana, Antonello Venditti e Francesco De Gregori, che si sono esibiti in due momenti speciali per il pubblico.

Federica Grieco

Nata a Pozzuoli. Dopo la laurea in Scienze Politiche alla Federico II, mi sono trasferita a Milano per frequentare il Master di Giornalismo IULM - Mediaset. Attualmente sono una giornalista praticante per MasterX. Sono estremamente curiosa: sento sempre forte il bisogno di studiare, indagare, scoprire. Mi piace scrivere di Esteri: sono affascinata dagli Stati Uniti, dal Medio Oriente e dalla familiare Unione europea. Mi auguro di viaggiare tanto, sempre con una macchina fotografica al collo e un taccuino tra le mani.

No Comments Yet

Leave a Reply