La battaglia di Iucu contro l’e-commerce

Il 2021 è l’anno dell’e-commerce. La pandemia, infatti, ha accelerato la crescita del settore – che vale circa 10.780 miliardi di dollari – normalizzando le modalità di acquisto online. Il fenomeno ha preso piede anche in Italia, dove il fatturato annuo del commercio elettronico è stimato in oltre 48,2 miliardi di dollari.

Integrarsi per sopravvivere

Si è creato così un sistema, che ha spinto molti negozianti a integrarsi pur di sopravvivere. A testimoniarlo è la rilevazione, nell’ultimo anno, di 10.467 nuove imprese registrate con il codice ATECO del commercio online: una crescita annua iperbolica, pari al 50%. Ma esiste anche chi, per scelta, decide di non integrarsi nel sistema. Anzi di contrastarlo, correndo il rischio di scomparire.

La battaglia di Iucu
Iucu, titolare dell’omonima bottega di libri usati (foto di Radical)

Si chiama Iucu, ed è il titolare di un piccolo negozio di libri usati situato nel centro di Pavia, in Corso Garibaldi. Iucu ama definire la sua attività «bottega stoica»: «perché di questi tempi avere un negozio è un atto di eroismo», tiene a precisare. Ogni giorno, infatti, combatte la sua personale battaglia contro l’e-commerce. Non vende online. Lo fa per preservare il contatto umano. Nella sua bottega, d’altronde, si può entrare anche per una chiacchiera o in cerca di un sorriso. Ed è questa la ragione per cui non teme la concorrenza di internet: «perché non può dare il rapporto umano o la cortesia», spiega. «Internet non può fare tante cose che la bottega può fare».

Il valore del libro di carta

Iucu crede ancora nel valore del libro di carta, del libro usato. E non è il solo a farlo: come lui la pensano tanti suoi clienti; a cui capita spesso di innamorarsi di una vecchia edizione, della prima edizione. Quella che «sa di casa di nonni, di vacanze. Quella che sa di ricordi», racconta Iucu. I libri, del resto, sono un bene essenziale. Ce lo ha ricordato il lockdown: le librerie, come i negozi di generi alimentari, sono rimaste aperte anche in zona rossa.

L’intervista a Iucu:
Luca Carrello

Aspirante giornalista, laureato in giurisprudenza all'Università degli Studi di Pavia. La mia passione: la politica. Adoro leggere (prediligo i grandi classici) e amo il mondo dello sport. Sogno di diventare un giornalista televisivo.

No Comments Yet

Leave a Reply