Caro calcio, cara Serie A, dove eravamo rimasti tre mesi fa?

Quando tre mesi fa l’epidemia di Coronavirus ha costretto il calcio italiano a fermarsi, tutti pensavano che la Serie A e il calcio, si sarebbero fermati lì. Venerdì 12 giugno invece, il calcio italiano è pronto a tornare. La Coppa Italia la protagonista del ritorno alla normalità con milioni di italiani pronti a godersi lo spettacolo.

Si apre con Juventus – Milan. Cristiano Ronaldo carico, Milan con assenze pesanti

I primi due incontri sono da sfregarsi le mani. Il ritorno del calcio non poteva infatti essere migliore. Le due semifinali di Coppa Italia, nonostante le perplessità espresse dalle dirigenze delle squadre per gli incontri troppo ravvicinati, sarebbero partite da tutto esaurito (se solo ci potesse essere il pubblico). 

All’Allianz Stadium, arriva un Milan volenteroso di conquistare il passaggio del turno ma privo di Ibrahimovic. Il colosso svedese si è infatti infortunato a inizio ripresa degli allenamenti. Molti sospettavano un infortunio molto più grave che poteva addirittura mettere fine alla sua carriera, ma il numero 21 rossonero sembra pronto a rientrare alla ripresa della Serie A. 

Il punteggio di partenza, l’1-1 di San Siro, vede leggermente favoriti i bianconeri. Cristiano Ronaldo è pronto a tornare in grande spolvero andando a far coppia in attacco con l’amico Paulo Dybala, l’ultimo marcatore del calcio italiano prima del lockdown. In porta dovrebbe trovare spazio Buffon, come spesso accaduto in Coppa Italia. Per il resto, formazione tipo con Cuadrado terzino in vantaggio su Danilo e Douglas Costa pronto a infiammare la trequarti offensiva con i suoi dribbling e accelerazioni. Non c’è Higuain, un vero e proprio caso da quando il calcio si è fermato ed è poi ripreso. L’Argentino sembra pronto a lasciare Torino con un probabile ritorno in madre patria. 

Nel Milan invece, si caricherà l’attacco sulle spalle Ante Rebic, vero mattatore del 2020 dei rossoneri. Il modulo dovrebbe essere un 4-2-3-1 classico con Paquetá, Çalhanoğlu e Bonaventura, alle spalle del Croato. Curiosi gli inserimenti sia del Brasiliano sia dell’Italiano: il primo, con Pioli, ha trovato sempre poco spacco diventando un oggetto misterioso nel Milan. Bonaventura invece ha la valigia in mano direzione Torino, sponda granata. Altra assenza pesantissima, questa volta per squalifica, è quella di Theo Hernandez. Il terzino francese, miglior marcatore del Milan, era infatti in diffida nella gara di andata dove ha rimediato il giallo fatale. Al suo posto, pronto Calabria, riuscirà a sostituirlo a dovere? 

Si chiude con Napoli – Inter, riuscirà la LU-LA a ribaltare i partenopei? 

Chi invece non può sbagliare è l’Inter. Il ko pesante nell’ultima gara prima della sosta forzata contro la Juventus, ha sicuramente un po’ minato il morale dell’Inter. I nerazzurri, scivolati a -9 proprio dai bianconeri (seppur con una gara da recuperare), puntano alla Coppa Italia per tornare a vincere un trofeo che manca da 9 anni. 

Il Napoli, sabato 13 giugno, non potrà contare sul suo fattore più importante, la spinta del San Paolo. Per andare in finale contro la vincente di Juventus – Milan il 17 giugno, il Napoli deve difendere l’1-0 di San Siro firmato da una magia di Fabian Ruiz. 

Rino Gattuso non potrà fare affidamento su Manolas, out ancora una decina di giorni per infortunio. Al suo posto, al fianco di Koulibaly, agirà Maksimovic. Tra i pali preferito ancora Ospina a Meret con il colombiano che sembra essere diventato a tutti gli effetti il titolare del Napoli. Centrocampo a 3 con Demme metodista, Fabian Ruiz e Zielinski ai suoi fianchi. In attacco tridente classico con Callejon a destra, Insigne a sinistra e Mertens al centro. Il Belga, dopo essere stato accostato proprio l’Inter, sembra aver risolto la questione rinnovo con il Napoli pronto a offrirgli un nuovo contratto. 

Antonio Conte invece, dopo la ripresa degli allenamenti, sembra finalmente pronto a puntare su Christian Eriksen. Il Danese, colpo di mercato dell’Inter nella sessione di gennaio, non aveva ancora trovato il giusto spazio diventando sempre più un punto interrogativo all’interno dell’ambiente nerazzurro. Adesso Conte sembra essere deciso a schierarlo dal primo minuto alle spalle del duo goleador LU-LA, Lukaku – Lautaro Martinez. I due, insieme, hanno 31 gol in stagione e al San Paolo, in campionato, hanno già colpito entrambi: il Belga con una doppietta e Lautaro con un gol di testa.

Davanti ad Handanovic la miglior formazione: De Vrij e Skriniar avranno come partner di difesa Bastoni, sempre più avanti nelle gerarchie rispetto a Godin. Centrocampo infine classico con Candreva a destra, Young a sinistra e Brozovic, Barella a far da filtro in mediana. 

Tutto è pronto per riabbracciare il calcio giocato. Tifosi, giocatori e staff sono pronti a mettersi alle spalle un periodo buio di inattività forzata. L’estate italiana è pronta a illuminarsi grazie alle stelle della Serie A. Cosa bisogna fare? Mettersi comodi e godersi lo spettacolo. Welcome back football! 

Roberto Balestracci

23 anni, quasi 24. Laureato in Scienze della Comunicazione, coltivo da sempre la passione per lo sport e per le sue emozioni. Ma non solo. Il diploma in violino al conservatorio di Siena mi permette di collegare i due mondi apparentemente lontani

No Comments Yet

Leave a Reply