La Iulm in campo ai mondiali di calcio universitari maschili

La squadra della Iulm è ormai pronta: destinazione Cina. Non manca molto all’inizio dei campionati del mondo universitari di calcio maschile, che si terranno dal 21 novembre al 1 dicembre 2019 nella città di JingJiang. I ragazzi sono pronti a partire: il 18 novembre lasceranno l’Italia per raggiungere la sede dei campionati del mondo dove ad attenderli, nella fase a gironi, troveranno il Brasile, la Corea e l’Ucraina.

La squadra è composta da 18 studenti dell’Università Iulm. Un motivo d’orgoglio per l’ateneo milanese, dal momento che è l’unica università italiana a essersi qualificata nel torneo internazionale FISU University World Cup Football.

La squadra è composta da 18 studenti della Iulm

Jing Jiang è la capitale del calcio cinese e questo è il primo evento per importanza: hanno comprato dalla FISU i diritti dei campionati di calcio universitari per cinque anni. Per l’occasione hanno costruito 14 nuovi stadi. Lo stadio principale ha un’arena da 40mila posti. Tutte le partite sono già sold out per tutte e 16 le squadre e le previsioni di audience sono di 300 milioni solo in Cina.

La delegazione degli studenti è stata ricevuta giovedì 10 ottobre dal Rettore Gianni Canova che, nello stesso giorno, ha salutato anche le due studentesse della Iulm uscite vincitrici dalle scorse Universiadi di Napoli: la ginnasta Carlotta Ferlito (medagli d’oro) e la nuotatrice Alice Scarabelli (medaglia d’argento).

Il Rettore Canova ha incontrato Carlotta Ferlito e Alice Scarabelli, medagliate alle Universiadi di Napoli

“L’Università Iulm crede fortemente nel ruolo formativo dello sport e nella sua rilevanza per la formazione, la crescita e lo sviluppo personale e professionale degli studenti” ha dichiarato il Rettore Canova. “La partecipazione ai campionati del mondo di calcio universitario è per noi motivo di orgoglio ed è una conferma del nostro intento strategico di offrire agli studenti Iulm opportunità sportive di valore per rafforzare il senso di appartenenza, stimolare il coinvolgimento e permettere di sviluppare competenze trasversali utili per il loro futuro”.

Ormai manca davvero poco, gli atleti della Iulm stanno per partire e avranno la possibilità di vivere un’esperienza sportiva internazionale a 360°, confrontandosi con altre realtà provenienti da tutto il mondo.

No Comments Yet

Leave a Reply