Cerano, il prete si innamora di una donna e lascia il sacerdozio

ESN, la no-profit in prima linea per la generazione erasmus-MasterX

Un prete ha lasciato il sacerdozio per amore di una donna. È la storia di don Federico Sorrenti, 41 anni, di Cerano, nel novarese. A dare la notizia è stato il vescovo di Novara Franco Giulio Brambilla: «A seguito di un prolungato confronto con me, il vostro parroco don Federico Sorrenti ha preso la decisione di non continuare ad esercitare il ministero sacerdotale» – ha detto il vescovo rivolgendosi ai fedeli, durante la messa.

Sicuramente non si tratta del primo caso di un prete che rinuncia al suo ruolo per una donna, ma la notizia ha lasciato comunque i parrocchiani di Cerano a bocca aperta. «Questa sua scelta – ha spiegato il vescovo – così dirompente e di grande impatto anche per la vostra comunità crea tanta sofferenza: alla nostra chiesa diocesana, a me, e sono sicuro anche a voi, che avevate imparato ad apprezzarlo. Nello stesso tempo però la rispettiamo, riconoscendo la correttezza di don Federico nell’evitare di portare avanti ulteriormente il ministero in una situazione non coerente con lo stato di vita sacerdotale».

Il vescovo di Novara ha poi condiviso una parte della lettera scritta proprio da don Federico: «Eccellenza, in questo ultimo anno (…) mi sono innamorato di una donna ed è nato pian piano in me un desiderio nuovo e crescente di vivere una relazione di coppia e di costruire insieme una famiglia. Sono andato in una crisi profonda e anche sofferta, in cui ho maturato, in dialogo con lei mons. Vescovo, la scelta di sospendere il mio ministero sacerdotale per iniziare un nuovo percorso di vita».

«Anche per me – ha concluso il vescovo Franco Giulio Brambilla – è stata una notizia sconvolgente, che ho accolto con molto rammarico, con indicibile dolore, riconoscendo tutto il bene che lui ha fatto, non solo a Cerano, ma nell’intero suo percorso sacerdotale a servizio della Chiesa novarese».

In attesa delle nomina di un nuovo parroco, don Alessandro Maffiolini sarà l’amministratore parrocchiale, mentre don Paulo Floriani si occuperà del servizio liturgico.

No Comments Yet

Leave a Reply