Atalanta in Champions a San Siro ma i tifosi rossonerazzurri non ci stanno

AGGIORNAMENTO

L’Atalanta giocherà a San Siro la prima Champions League della sua storia. Dopo il parere positivo da parte del Comune di Milano e dell’Inter è arrivato anche il benestare del Milan. Ricevere l’ok dalle due squadre milanesi era fondamentale per il club presieduto da Percassi, dal momento che la società M-I Stadio (divisa al 50% tra nerazzurri e rossoneri) gestisce tutte le attività del Meazza.

«Confermiamo di accogliere la richiesta dell’Atalanta di poter disputare gli incontri casalinghi della prossima Uefa Champions League allo stadio di San Siro. La nostra decisione è maturata nel rispetto del parere positivo del sindaco della città di Milano Giuseppe Sala e dopo aver recepito il forte desiderio in tal senso della proprietà del club bergamasco» recita il comunicato del club rossonero. «Crediamo che questa opportunità sia di beneficio non solo per  l’Atalanta, ma per tutto il calcio italiano, poiché ispirata da importanti valori come il senso di ospitalità, il rispetto e il fair play».

Immediate le reazioni da parte dei diretti interessati. Prima sono arrivate le parole del numero uno atalantino, Antonio Percassi, attraverso il sito ufficiale dell’Atalanta, orgoglioso di questa storica notizia. In seguito anche il capitano della “Dea”, il Papu Gomez ha voluto ringraziare, con un post sul suo account Instagram, Inter e Milan per la decisione presa. 

Nello stesso momento dell’ok da parte del Milan è stata pubblicata una dura nota da parte del tifo rossonero più caldo, contrario a questa decisione.

Il comunicato della Curva Sud Milano——————————————————————————————————————————————————————

Per l’esordio assoluto in Champions League l’Atalanta non ha ancora una casa. Lo stadio “Atleti Azzurri d’Italia” è in fase di profonda ristrutturazione e i delegati Uefa, giunti a Bergamo per un sopralluogo, hanno già informato la società nerazzurra che l’impianto non soddisfa, al momento, i parametri europei. Di conseguenza la “Dea” non potrà disputare nel suo storico impianto le prime partite interne della competizione calcistica più importante del continente.

Ecco quindi da dove nasce la richiesta del club bergamasco, attraverso il presidente Percassi, di chiedere ospitalità a qualche altro impianto. L’Atalanta ha deciso di puntare sul “non distante” San Siro a Milano, a una sessantina di chilometri da Bergamo. Al momento il team allenato da Gasperini sta ancora aspettando una risposta definitiva che, soprattutto da parte del Milan, tarda ad arrivare.


Per ottenere il via libera sono necessari determinati pareri favorevoli. Primo fra tutti, quello del sindaco del capoluogo lombardo, Giuseppe Sala, che si è espresso positivamente sulla vicenda «Io la vedo con molto favore poi devono decidere le due squadre di Milano e credo che stiano trovando un po’ di consenso. Mi sembra un’operazione giusta, anche simpatica, l’Atalanta è un bel team e il mio sostegno ce l’ha. Se giocherà a San Siro prometto che la prima partita andrò a vederla». Dello stesso parere anche le questure di Bergamo e Milano. E se il club nerazzurro avrebbe già confermato il suo consenso, dall’altro lato del naviglio la società rossonera starebbe ancora riflettendo sul da farsi, considerando in particolar modo i sentimenti dei tifosi del “Diavolo”, non proprio entusiasti nel concedere questo favore ai supporters bergamaschi. La conferma è arrivata dal numero uno di Casa Milan, Paolo Scaroni «Lo stadio è del club ma anche dei tifosi che hanno già subito la decisione di non poter giocare in Europa. Non ho sentito il sindaco ma noi faremo delle riflessioni».

Una netta presa di posizione, però, è arrivata dalla Curva Nord dell’Inter attraverso un comunicato pubblicato sulla pagina Facebook dei gruppi ultras. «Altra scelta scellerata. Se l’Atalanta giocherà a San Siro ci saremo anche noi» l’incipit del post social. La minaccia è quella di presentarsi al Meazza, nel caso in cui i nerazzurri di Bergamo dovessero giocare la Champions a Milano.

I cantieri per l’ammodernamento del nuovo “Gewiss Stadium” di Bergamo proseguono a pieno ritmo per poter regalare al più presto il nuovo impianto a Gomez e compagni. Nel frattempo resta in piedi ancora un’altra soluzione, quella già utilizzata nel corso della passata stagione per i match di Europa League: il “Mapei Stadium” di Reggio Emilia. L’Atalanta comunque aspetta ancora, e sogna San Siro, con la speranza che l’attesa non sia infinita.

No Comments Yet

Leave a Reply